La scherma in pedana per la consapevolezza sull’Autismo: il Salone d’onore del CONI ha ospitato “Lo sport e l’inclusione volano a Parigi 2024”

  1. Home
  2. Top News
  3. La scherma in pedana per la consapevolezza sull’Autismo: il Salone d’onore del CONI ha ospitato “Lo sport e l’inclusione volano a Parigi 2024”

Questo articolo è offerto da:

Questo articolo è offerto da:

La scherma in pedana per la consapevolezza sull’Autismo: il Salone d’onore del CONI ha ospitato “Lo sport e l’inclusione volano a Parigi 2024”

ROMA – La scherma italiana in pedana per la consapevolezza sull’Autismo. Il Salone d’Onore del CONI, a Roma, ha ospitato ieri un convegno scientifico e una cena di gala, con la presentazione di mostre, dibattiti ed esibizioni di scherma, per promuovere un’ampia riflessione sul rapporto tra sport e autismo. Grazie al coinvolgimento di diverse istituzioni, associazioni e fondazioni, in occasione della Giornata Mondiale per la consapevolezza sull’Autismo (sindrome oggi diagnosticata a un bambino su 77 in Italia), è stata organizzata una giornata-evento per affrontare il tema sotto l’aspetto istituzionale, scientifico e sportivo, grazie al forte sostegno istituzionale del CONI, lanciando una raccolta fondi a favore del progetto “Lo sport e l’inclusione volano a Parigi 2024”. L’obiettivo è regalare un’opportunità unica a diversi ragazzi e ragazze con disturbo dello spettro autistico in occasione dei Giochi Olimpici.

La Federazione Italiana Scherma, che della progettualità sociale ha fatto un cardine della propria attività, ha partecipato con estremo piacere all’iniziativa, in primis con il Presidente federale Paolo Azzi, in una serata ricca di protagonisti del nostro mondo, con tante presenze illustri di rappresentanti delle istituzioni e dello sport. Per la scherma c’erano – tra gli altri – il Presidente onorario della FIS, Giorgio Scarso, il Presidente del Comitato regionale Federscherma Lazio, Claudio Fontana, e vari campioni del passato e del presente (da Diana Bianchedi a Elisa Di Francisca, fino a Stefano Pantano, Giampiero Pastore e Andrea Santarelli).

Responsabile dell’organizzazione dell’evento “Sport e Autismo: l’inclusione corre veloce anche verso Parigi 2024” è stato lo spadista Marco Fichera, insieme al professor Luigi Mazzone, Direttore di Neuropsichiatria Infantile al Policlinico Tor Vergata e Presidente del Progetto Aita Onlus, e il professor Stefano Vicari, Direttore dell’Unità Operativa Complessa Neuropsichiatrica Infantile dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

Il Salone d’Onore del CONI per l’occasione ha accolto una pedana da scherma sulla quale si sono sfidati in un’esibizione suggestiva ragazzi autistici e ragazzi neurotipici – fondamentale la collaborazione dell’Accademia Lia – e la straordinaria partecipazione di due stelle azzurre, l’olimpionico Daniele Garozzo e la campionessa del mondo Alice Volpi.

Ti piace, condividilo!

ULTIMI AGGIORNAMENTI CORRELATI