SI E’ SVOLTO A ROMA LO STAGE DI FIORETTO PROMOSSO DALL’ASSOCIAZIONE ITALIANA MAESTRI DI SCHERMA

  1. Home
  2. Top News
  3. SI E’ SVOLTO A ROMA LO STAGE DI FIORETTO PROMOSSO DALL’ASSOCIAZIONE ITALIANA MAESTRI DI SCHERMA

Questo articolo è offerto da:

Questo articolo è offerto da:

SI E’ SVOLTO A ROMA LO STAGE DI FIORETTO PROMOSSO DALL’ASSOCIAZIONE ITALIANA MAESTRI DI SCHERMA

stage fiorettoROMA – Si è svolto sabato nella sala scherma federale del Centro di Preparazione Olimpica CONI “Giulio Onesti” all’Acqua Acetosa di Roma, lo stage per tecnici di scherma dedicato al fioretto e promosso dall’Associazione Italiana Maestri di Scherma.
Sono stati quaranta i tecnici, dei vari livelli, che hanno preso parte alla giornata formativa iniziata con l’intervento della dottoressa Federica Montanile che ha puntato l’attenzione sull’importante tema dell’alimentazione degli sportivi e in particolar modo quella nella scherma, soffermandosi in particolar modo sull’interessante argomento dell’idratazione e del relativo reintegro dei sali minerali.

A seguire si è passati alla parte schermistica con l’intervento del Maestro Fabio Galli, che ha dato lezione alle proprie allieve Valentina Capodicasa, categoria under14, ed ad Ilaria Salvatori, olimpionica a squadre nel fioretto femminile a Londra2012. Al termine delle lezioni il Maestro Galli ha spiegato nei minimi particolari il suo metodo d’insegnamento ed i motivi per i quali veniva applicato. Ne è seguito un ampio scambio d’idee che ha coinvolto tutti.

Dopo la pausa pranzo, è stata la volta della plurimedagliata ed oggi Maestra di scherma, Giovanna Trillini, che ha dato lezione all’under 14 del Frascati Scherma, Andrea Martina Donato ed a seguire all’azzurro di fioretto Filippo Guerra.
Giovanna Trillini, in entrambe le lezioni, ha evidenziato, secondo il suo punto di vista quanto sia necessario nella scherma odierna la “quasi perfezione” del gesto schermistico e la necessità di raggiungere il più possibile un appropriata tecnica di base, in modo che lo schermidore possa far fronte, in ogni momento dell’assalto alle difficolta che si presentano.
In altri termini lo schermidore deve avere la padronanza nell’applicare sempre la giusta contraria.
La Maestra Trillini ha preferito interloquire con i presenti anche durante le lezioni, oltre ad aprire un interessante dibattito alla fine del suo intervento.

I tecnici presenti hanno commentato positivamente lo svolgimento dello stage, così come l’Associazione Italiana Maestri di Scherma che, per bocca del suo Presidente M° Saverio Crisci, ha rivolto un ringraziamento sentito ai docenti che, grazie alla loro professionalità e disponibilità, hanno permesso di vivere un assai importante ed interessante momento formativo.

Ti piace, condividilo!

ULTIMI AGGIORNAMENTI CORRELATI