“SCHOOL PARTNER FIS” – CERIMONIA D’UFFICIALIZZAZIONE AL LICEO CLASSICO-LINGUISTICO “DA VIGO-NICOLOSO” DI RAPALLO

  1. Home
  2. Top News
  3. “SCHOOL PARTNER FIS” – CERIMONIA D’UFFICIALIZZAZIONE AL LICEO CLASSICO-LINGUISTICO “DA VIGO-NICOLOSO” DI RAPALLO

Questo articolo è offerto da:

Questo articolo è offerto da:

“SCHOOL PARTNER FIS” – CERIMONIA D’UFFICIALIZZAZIONE AL LICEO CLASSICO-LINGUISTICO “DA VIGO-NICOLOSO” DI RAPALLO

rapallo school partner fisRAPALLO – “Lanciamo ufficialmente da Rapallo un progetto in cui crediamo molto e che rappresenta un modo nuovo di mettere in relazione lo sport e la scuola”. Lo ha detto il Presidente della Federazione Italiana Scherma, Giorgio Scarso, questo giovedi mattina a Rapallo nel corso della cerimonia d’ufficializzazione del Liceo Classico-Linguistico “Da Vigo – Nicoloso da Recco”, quale “School Partner FIS”.

L’istituto scolastico di Rapallo, infatti, è uno dei nove in Italia che hanno aderito al progetto lanciato dalla Federazione Italiana Scherma e che è volto a stipulare una partnership con gli istituti scolastici frequentati dagli atleti under17 che occupano le più alte posizioni dei ranking di ogni singola specialità. In ogni istituto aderente viene individuato un docente-tutor che, in contatto con la Federazione Italiana Scherma, viene informato degli impegni agonistici e dei risultati dello studente-atleta, per il quale verrà predisposto un apposito iter curriculare. Ciò al fine di permettere agli atleti di conciliare gli impegni scolastici con quelli agonistici.

Nel caso specifico, al Liceo Classico-Linguistico “Da Vigo – Nicoloso Da Recco” segue l’attività didattica la spadista under 17 Andrea Vittoria Rizzi, attualmente tra le prime dieci del ranking italiano Cadetti di spada femminile.

“Abbiamo immediatamente accolto la proposta giunta dalla FederScherma – ha detto il Dirigente scolastico dell’istituto rapallese, Nazaria Maria Persia -. Il nostro istituto ha avuto l’onore di accogliere tra i banchi alcuni grandi atleti della scherma ligure ed attualmente ha diversi studenti che ad un eccellente percorso didattico affiancano quello sportivo con ottimi risultati. Riteniamo che con questo progetto che definirei “illuminato”, i nostri ragazzi non saranno costretti a dover scegliere, ma potranno continuare la loro formazione culturale e, al contempo, quella sportiva”.

“Una docente sa cogliere nello sguardo degli alunni i sentimenti che provano – ha sottolineato Tiziana Cignatta, la docente-tutor individuata dalla scuola per seguire il progetto dedicato ad Andrea Rizzi -. Abbiamo il compito di aiutare gli studenti a crescere e questo ruolo di “tutoraggio” ufficializza quello che già attuiamo. Non si tratta di assecondare o di trattare un alunno diversamente da un altro, ma di permettere a chi fa sport o altre attività a buon livello, di vivere con serenità e la giusta dedizione l’impegno scolastico”.

Presenti alla cerimonia svoltasi presso il Teatro delle Clarisse di Rapallo, vi era anche il Sindaco della cittadina ligure. “La scherma qui è di casa – ha detto il primo cittadino, Carlo Bagnasco – e sapere che una Federazione importante quale la FIS abbia scelto la nostra città ed un istituto scolastico che rappresenta un’eccellenza cittadina, è motivo di orgoglio e vanto per tutti”.

A seguire la prima cerimonia celebrativa dell’accordo “School Partner FIS” vi erano anche il Consigliere federale, Renato Buratti, il Presidente del Comitato regionale FederScherma Liguria, Giampiero Martelli, i Presidenti del Club Scherma Rapallo e della Chiavari Scherma, società presso cui è tesserata Andrea Rizzi, con il suo maestro Giovanni Falcini, oltre che diversi rappresentanti della scherma ligure e delle istituzioni locali.

“Rapallo è una città simbolo – ha aggiunto il Presidente federale, Giorgio Scarso -. La scherma ha la capacità di attecchire nel tessuto sociale di diverse realtà del territorio italiano e qui in Tigullio ci sentiamo a casa. Vedere questa partecipazione a questa cerimonia attesta come Rapallo viva e consideri la presenza della scherma in città. Non potevamo scegliere una città migliore per lanciare questo progetto che punta a concretizzare e realizzare le idee che troppo spesso viaggiano per le stanze dei Palazzi, senza però riuscire poi ad attecchire nella quotidianeità. Non pensiamo di aver risolto i problemi del rapporto tra sport e scuola, ma di aver iniziato un percorso di sostegno ed accompagnamento per gli atleti che sapranno di avere alle spalle due istituzioni, quella sportiva e quella scolastica, non in “concorrenza” tra loro ma – ha concluso – che dialogano e che hanno come obiettivo quello di formare i cittadini di domani, preparati culturalmente ed intrisi dei veri valori dello sport”.

 

Ti piace, condividilo!

ULTIMI AGGIORNAMENTI CORRELATI