MONDIALI KAZAN2014 – V GIORNATA – TRIPLETTA AZZURRA – LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

  1. Home
  2. Top News
  3. MONDIALI KAZAN2014 – V GIORNATA – TRIPLETTA AZZURRA – LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

Questo articolo è offerto da:

Questo articolo è offerto da:

MONDIALI KAZAN2014 – V GIORNATA – TRIPLETTA AZZURRA – LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

Arianna Errigo bis kazanKAZAN2014 – La gioia è grande. L’ItalScherma si entusiasma per il quarto podio con tre italiane nella storia dei Mondiali (Torino2006, San Pietroburgo2007, Parigi2010) ed il settimo se si somma la tripletta ai Giochi Olimpici di Londra2012 e quella siglata ai Campionati Europei Strasburgo2014, ma anche per concludere la classifica di Coppa del Mondo con le prime quattro tutte italiane (Errigo, Di Francisca, Batini, Vezzali).
Le medaglie poi hanno un gusto particolare per ciascuna delle tre atlete protagoniste.
Arianna Errigo può festeggiare non solo il titolo iridato, la conquista della sua quarta Coppa del Mondo e l’ingresso nel club esclusivo delle atlete che vantano un doppio titolo iridato consecutivo: la russa Valentina Siderova (1977, 1978), la tedesca dell’ovest Cornelia Hanisch (1979/1981) e Valentina Vezzali (1999/2001 – 2003-2005).
“Bis” per lei così come “doppia” ammette essere la sua soddisfazione.

“Sono doppiamente felice – dichiara la campionessa del Mondo 2013 e 2014 -. A differenza dello scorso anno, infatti, sono arrivata a questo Mondiale con qualche problema fisico ed il fatto di essere riuscita a confermarmi raddoppia la soddisfazione. Tranne al primo assalto di giornata – analizza l’atleta del Centro Sportivo Carabinieri – ritengo d’aver tirato bene. Mi sono presa la rivincita degli Europei contro la russa Biryukova e sono arrivata in semifinale dove contro Valentina (Vezzali, ndr) ho dato tutto fisicamente perché contro lei è sempre difficile! In finale volevo vincere per bissare il titolo ed ho dovuto tirare fuori tutte le mie forze per avere la meglio contro Martina (Batini, ndr). Adesso c’è la gara a squadre e poi le vacanze!”.

Vale tanto anche l’argento di Martina Batini. Un pò di rammarico quando vinci la medaglia d’argento credo che sia normale  commenta la 25enne pisana, Vicecampionessa del Mondo – ma a mente fredda ho di che esultare! E’ stato un anno bellissimo, perché giunto dopo un infortunio e soprattutto perché mi dicevano che dovevo fare il “salto di qualità”. Credo di averlo fatto ed anche molto bene – sorride l’atleta della Forestale -. Il mio sorriso è anche per come ho tirato. Mi dicono da fuori che sembro “serena”. In realtà è cosi, sono molto tranquilla, non ho pesi e tiro libera. I risultati vengono poi da soli. Certo, in finale contro Arianna potevo fare meglio, ma si festeggia comunque perché ha vinto un’altra italiana”.

Per Valentina Vezzali il bronzo non vale solo come 23esima medaglia mondiale in bacheca, ma è anche l’ennesimo punto di partenza. “Sono tornata tra le migliori del mondo e questo è quello che per me era importante – ammette la plurititolata -. E’ stata un’annata difficile perché non è semplice combinare i vari impegni e rimanere ai vertici. Ma è stata una sfida che ho voluto affrontare – dice la portacolori delle Fiamme Oro -. I risultati iniziano ad arrivare, dal podio agli Europei a questa medaglia di bronzo. In semifinale con Arianna (Errigo, ndr) avrei dovuto gestire meglio la seconda parte dell’assalto. C’è la soddisfazione ma non l’appagamento”.

Rimane fuori dal podio Elisa Di Francisca ma festeggia anche lei insieme al gruppo azzurro, anche perché tra tre giorni ci sarà la prova a squadre e le individualità rimarranno da parte. “Non ho tirato bene e non ho avuto buone sensazioni. Ai quarti contro Martina Batini ho fatto tutto io, mi sono innervosita e lei è stata brava ad approfittarne. Non è stata una delle mie giornate migliori, ma sono comunque contenta per la stagione”.

E’ felice ma non entusiasta il Commissario tecnico, Andrea Cipressa: “non riesco a godermi appieno questa ennesima tripletta delle ragazze. C’è infatti la grande amarezza per la prestazione dei fiorettisti che appanna questa giornata. Ma ovviamente ciò non toglie il merito ed il plauso ad Arianna, Martina, Valentina ed Elisa per quello che hanno saputo fare oggi e nel corso di tutta la stagione. Non a caso chiudiamo la classifica di Coppa del Mondo occupando i primi quattro posti nel ranking! I miei complimenti vanno a loro ma anche ai loro maestri, alle loro società ed a quanti lavorano con loro per poi poter permetterci di cantare insieme l’inno di Mameli”.

Ti piace, condividilo!

ULTIMI AGGIORNAMENTI CORRELATI