CALABRIA – IL PROGETTO FENCING FOR CHANGE SBARCA A REGGIO CALABRIA

  1. Home
  2. La Voce delle Regioni
  3. CALABRIA – IL PROGETTO FENCING FOR CHANGE SBARCA A REGGIO CALABRIA

Questo articolo è offerto da:

Questo articolo è offerto da:

CALABRIA – IL PROGETTO FENCING FOR CHANGE SBARCA A REGGIO CALABRIA

REGGIO CALABRIA – Il Palazzetto dello Sport “Palacalafiore Pentimelle” ha ospitato la giornata conclusiva del progetto denominato “Fencing for Change” (la scherma per il cambiamento) sottoscritto, lo scorso 5 dicembre a Reggio Calabria, per iniziativa della Federazione Italiana Scherma, del Comando Militare Esercito “Calabria”, dall’Ufficio Scolastico Regionale Calabria, dalla Curia Arcivescovile Reggio – Bova, dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria, dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano Calabria e dal Comitato Italiano Paraolimpico Calabria.

Il progetto Fencing for Change, che ha coinvolto gli Istituti Comprensivi “Telesio-Montalbetti”,“Cassiodoro – Don Bosco”,“Carducci-V.da Feltre”, “Falcomatà-Archi” e le società sportive schermistiche reggine Scherma Reggio A.S.D e Accademia della Scherma Reggio A.S.D che hanno svolto l’attività di avvicinamento alla scherma a favore degli studenti dei citati istituti, continuerà ad operare anche durante l’anno scolastico 2018-2019. L’obiettivo è di contribuire attraverso l’insegnamento della scherma alla diffusione dei principi di convivenza civile, integrazione, inclusione (ovvero convivenza fra le differenti classi sociali) e rispetto delle regole poste alla basi del vivere civile. La manifestazione ha fatto registrare la partecipazione di circa 500 persone tra cui, circa 250 studenti ed i docenti dei citati istituti, una folta schiera di genitori, ai quali si sono uniti autorità civili, militari, religiose e sportive che hanno preso parte all’evento.

L’iniziativa svoltasi nei mesi scorsi anche a Napoli, Palermo, Bari, ha fatto tappa in Calabria per volere del presidente della Federazione Italiana Scherma Giorgio Scarso. “Bisogna dare atto all’Esercito Italiano – ha dichiarato il presidente Scarso – di aver sposato questo progetto e questo a testimoniare un radicamento forte della scherma dentro le forze amare. Il fatto che sia stata scelta la scherma per questo progetto evidenzia il fatto che a questa discipliva vengano riconosciuti valori importanti. I tanti interventi delle Autorità hanno messo sempre in risalto il valore educativo della scherma e questo ci riempie d’orgoglio. Altro tema da non sottovalutare è l’alfabetizzazione sportiva: i ragazzi che hanno partecipato, hanno avuto modo di conoscere la scherma e per tutta la vita resteranno legati a questa esperienza. A Reggio Calabria l’organizzaione della manifestazione è stata magnifica e la partecipazione dei dirigenti del CONI regionale è stata molto appezzata da parte nostra. Il progetto mirava a portare la scherma in quartieri a rischio, riteniamo infatti che la prevenzione sia la migiore cura per una scoietà sana, e tutto questo è stato possibile organizzarlo grazie all’Esercito Italiano che ha curato tutto, con grande attenzione. Un grazie va al Generale Luigi Deleverano, alle amministrazioni locali, agli uffici scolastici e alle società che operano sul territorio e ai loro maestri che in forma gratuita hanno operato con questi ragazzi. Questo progetto non ha precedenti in Italia e neanche all’Estero, e questo vuole dire che la scherma sa essere sempre capace di proporre nuove iniziative”. 

Il presidente Scarso ne ha approfittato poi, per fare cenno al movimento schermistico calabrese. “La Calabria sta uscendo dal sottoscala in cui si era cacciata. In questi anni purtroppo si era venuto a creare in questa regione un deserto scherimistico e adesso grazie al lavoro delle societa, dei maestri e del Delegato regionale, si sta creando un movimento importante e le medaglie ottenute dai giovani atleti calabresi al GPG stanno proprio lì a testimoniare questa inversione di marcia. La Federazione coinvolgerà la Calabria nell’organizzazione di eventi nazionali importanti e in Calabria si terrà proprio una Prova di Qualificazione per la Zona Sud. Questo deve essere un segnale forte, stiamo lavorando tutti affinchè non ci sia più una Calabria tagliata fuori, ma bensì che sia inserita e che faccia passi importanti per allinearsi con le altre Regioni nazionali”. 

Alla manifestazione hanno preso parte oltre al Presidente della FIS Giorgio Scarso, il Comandante del Comando Militare Esercito “Calabria”, Col. Giovanni ROSSITTO, il presidente del CONI Calabria, Avv. Maurizio CONDIPODERO, l’Assessore all’Istruzione della città metropolitana di Reggio Calabria, Prof.ssa Anna NUCERA e la Dott.ssa Franca FALDUTO, rappresentante dell’Ufficio Scolastico Regionale Calabria, oltre alla neo campionessa italiana nella categoria spada bambine Maria Chiara PELLICANÒ, sulla quale vengono riposte le future speranze sportive della scherma reggina. 

Ti piace, condividilo!

ULTIMI AGGIORNAMENTI CORRELATI