Lista Eventi Campionati Europei Assoluti 2008

CAMPIONATI EUROPEI ASSOLUTI - KIEV, IL BILANCIO DEL PRESIDENTE FEDERALE GIORGIO SCARSO

Roma - Al rientro dall'Ucraina, al termine dei Campionati Europei di Kiev, il presidente federale Giorgio Scarso (nella foto) ha voluto fare un bilancio sulla trasferta azzurra. ''Il risultato finale - argomenta il massimo dirigente della FIS - ha confermato una prestazione in linea con la tradizione della scherma italiana. Il secondo posto nel medagliere, alle spalle della sola Russia che a parità di medaglie ci ha sopravanzato di un solo oro, è la conferma che il lavoro svolto ha ripagato i sacrifici fatti sino ad oggi''. Secondo il Presidente della FIS, quanto raccolto nella manifestazione continentale, gara atipica ad un mese dalle Olimpiadi, è comunque un risultato di valore: ''Molti schermidori e schermitrici si sono presentati in pedana con il pensiero rivolto a Pechino, scelta totalmente giustificata vista l'importanza dei Giochi, ma non per questo criticabile. Per l'Italia, però, le soddisfazioni non sono mancate e proprio per questo vanno ringraziati atleti, tecnici e maestri per il grande impegno profuso. E chi non aveva particolari preoccupazioni, in quanto non sarà di scena in Cina, ha dimostrato tutto il suo valore. Vedasi l'oro di Andrea Cassarà ed il doppio bronzo delle ragazze della spada. Gli argenti di Margherita Granbassi ed Ilaria Bianco, poi, sono due medaglie giunte in un momento particolare ed utili alle due campionesse che avevano bisogno di ritrovare fiducia nei loro grandi mezzi. Conferme importanti sono arrivate nel fioretto maschile a squadre con lo stesso Cassarà, Andrea Baldini, Salvatore Sanzo e Stefano Barrera, che dopo il Mondiale hanno messo a segno una storica doppietta. Bene anche la spada, arma che non parte più per ultima come qualche anno fa, ma al pari delle altre. Tre medaglie in quattro gare sono più di una conferma. Discorso diverso, invece, per la sciabola. Dopo l'ottima prova di Las Vegas gli uomini hanno pagato un calo di tensione, ma questo fa parte del gioco e all'Olimpiade avranno modo di far vedere tutto il loro valore''. Il presidente Scarso conclude affermando: ''Auguro agli atleti che parteciperanno alle Olimpiadi di perfezionare la preparazione in quest'ultimo periodo, così come agli sparing partner di lavorare affinché i loro compagni possano ottenere grandi risultati. Un successo di cui ne beneficerebbe l'intero movimento schermistico. Buone vacanze, infine, a tutti gli altri ed un arrivederci per l'inizio della prossima stagione''.


CAMPIONATI EUROPEI ASSOLUTI - BRONZO PER GLI SPADISTI E SESTO POSTO PER LE SCIABOLATRICI. ITALIA SECONDA NEL MEDAGLIERE.

Kiev (UCRAINA) - Settima medaglia per l'Italia nell'ultima giornata dei Campionati Europei di Kiev (Ucraina). Nella prova a squadre di spada maschile, infatti, gli azzurri si sono aggiudicati il bronzo ritrovando il podio a distanza di due anni dal terzo posto di Izmir 2006. Matteo Tagliariol, Diego Confalonieri, Alfredo Rota e Stefano Carozzo, dopo aver superato Israele per 33 a 24 e la Germania per 45 a 28, si sono arresi in semifinale ai campioni del mondo della Francia (Fabrice Jeannet, Jerome Jeannet, Ulrich Robeiri, Jean-Michel Lucenay) per 32 a 45. La sfida, remake della finale iridata di San Pietroburgo 2007, dopo un pari e patta nel primo match (3-3 tra Tagliariol e Jerome Jeannet), vedeva gli azzurri rimanere in scia dei transalpini fino al 21-24 del quinto assalto, dopodiché Fabrice Jeannet nulla concedeva a Rota (2-6). Break decisivo e Francia in finale con un 15-9 nell'ultimo giro. Nella finalina con la Polonia (Robert Andrzejuk, Krzysztof Mikolajczak, Tomasz Motyka, Radoslaw Zawrotniak), poi, partenza complicata nella prima frazione, con gli azzurri sotto per 7-12. Ci pensava Confalonieri, però, a tirare fuori l'Italia da una situazione difficile. Il carabiniere di Bresso con un 7-1 ai danni di Mikolajczak, portava gli azzurri avanti (14-13) per la prima volta e nell'ultima manche Carozzo, lo stesso Confalonieri e Tagliariol, con un secco 17 a 8, chiudevano la contesa sul 45 a 37. Positivo il bilancio del responsabile d'arma Carlo Carnevali: ''Chiudiamo l'Europeo con tre medaglie in quattro gare, per cui l'esito finale è assai lusinghiero. Il rammarico è di aver perso con la Francia ancora una volta, senza essere riusciti a giocarcela fino in fondo. Sono un po' preoccupato, in quanto con loro non vinciamo da parecchio tempo e all'Olimpiade ce li ritroveremo sulla nostra strada. Abbiamo un mese per analizzare i nostri avversari e trovare le giuste contromosse''. Il titolo è andato proprio ai francesi impostisi con il punteggio di 45 a 32 sull'Ungheria. La Francia ritrova l'oro dopo cinque anni (l'ultimo fu a Bourges nel 2003), prendendosi così la rivincita europea sui magiari a distanza di dieci anni dalla sconfitta patita nel 1998 a Plovdiv. Nella sciabola femminile, invece, sesto posto per le azzurre eliminate nei quarti dalla Polonia (Bogna Jozwiak, Aleksandra Socha, Irena Wieckowska, Matylda Ostojska) per 38-45. Gioia Marzocca, Ilaria Bianco, Irene Vecchi e Loreta Gulotta (non impiegata), hanno dovuto inseguire fin dall'inizio, trovandosi in svantaggio per 13-20 dopo il quarto assalto. Quando l'esito sembrava scontato, però, il team italiano risaliva la china con un 22-13 che portava al sorpasso (35-33). Negli ultimi due testa a testa, purtroppo, prima la Marzocca (3-7 con la Jozwiak) e poi la Bianco (0-5 con la Socha), non riuscivano a contenere il veemente ritorno delle polacche che conquistavano la semifinale. Nel girone che assegnava le posizioni dalla quinta all'ottava, infine, arrivavano una vittoria ed una sconfitta: 45-35 con la Germania e 33-45 con la Russia. Delusione nelle parole del Ct Andrea Magro: ''La sfida con la Polonia ha dimostrato ancora una volta i nostri limiti mentali. Non riusciamo ad essere concentrati per l'intero assalto, pagando dazio nei momenti decisivi. Troppa tensione''. Vittoria finale per la Polonia (al primo sigillo europeo dopo l'argento del 2006 e il bronzo di Coblenza 2001) che supera per una sola stoccata (45-44) le padrone di casa dell'Ucraina. Terza la Francia. L'Italia chiude l'Europeo al secondo posto nel medagliere (2 ori, 2 argenti e 3 bronzi) dietro alla Russia anch'essa con 7, ma con 3 metalli pregiati. Terza la Francia con 6 (2, 1, 3). Nel 2009 la manifestazione continentale si disputerà a Plovdiv (Bulgaria).


CAMPIONATI EUROPEI, SPADA MASCHILE, KIEV (UCRAINA)

OTTAVI: Italia b. Israele 33-24.

QUARTI: Ungheria b. Norvegia 26-21; Polonia b. Repubblica Ceca 43-36; Francia b. Ucraina 37-36 (minuto supplementare); Italia b. Germania 45-28.

SEMIFINALI: Ungheria b. Polonia 45-40; Francia b. Italia 45-32.

FINALE TERZO POSTO: Italia b. Polonia (Robert Andrzejuk, Krzysztof Mikolajczak, Tomasz Motyka, Radoslaw Zawrotniak) 45-37.

FINALE PRIMO POSTO: Francia b. Ungheria 45-32.

CLASSIFICA (20): 1. Francia (Fabrice Jeannet, Jerome Jeannet, Ulrich Robeiri, Jean-Michel Lucenay) 2. Ungheria; 3. Italia (Matteo Tagliariol, Diego Confalonieri, Alfredo Rota, Stefano Carozzo); 4. Polonia; 5. Ucraina; 6. Repubblica Ceca; 7. Germania: 8. Norvegia.


CAMPIONATI EUROPEI, SCIABOLA FEMMINILE, KIEV (UCRAINA)

QUARTI: Francia b. Germania 45-22; Polonia b. Italia 45-38; Ucraina b. Gran Bretagna 45-29; Ungheria b. Russia 45-44.

SEMIFINALI: Polonia b. Francia 45-43; Ucraina b. Ungheria 45-34.

GIRONE 5/8 POSTO: Italia b. Germania 45-35; Russia b. Gran Bretagna 45-30.

FINALE QUINTO POSTO: Russia b. Italia 45-33.

FINALE TERZO POSTO: Francia b. Ungheria 45-36.

FINALE PRIMO POSTO: Polonia b. Ucraina 45-44.

CLASSIFICA (11): 1. Polonia (Bogna Jozwiak, Aleksandra Socha, Irena Wieckowska, Matylda Ostojska); 2. Ucraina; 3. Francia; 4. Ungheria; 5. Russia; 6. Italia (Gioia Marzocca, Ilaria Bianco, Irene Vecchi, Loreta Gulotta); 7. Gran Bretagna; 8. Germania.


MEDAGLIERE

PAESE

ORO

ARGENTO

BRONZO

TOTALE

Russia

3

1

3

7

Italia

2

2

3

7

Francia

2

1

3

6

Ungheria

2

2

1

5

Germania

-

2

2

4

Romania

1

1

1

3

Polonia

1

1

1

3

Bielorussia

1

-

1

2

Ucraina

-

1

1

2

Gran Bretagna

-

1

-

1

Austria

-

-

1

1

Svizzera

-

-

1

1

CAMPIONATI EUROPEI ASSOLUTI - KIEV, QUINTO POSTO PER FIORETTISTE E SCIABOLATORI. DOPPIO ORO ALLA RUSSIA.

Kiev (UCRAINA) - Doppio quinto posto per le Nazionali di fioretto femminile e sciabola maschile nelle prove a squadre ai Campionati Europei in corso di svolgimento a Kiev (Ucraina). Nella prova di fioretto femminile Valentina Vezzali, Giovanna Trillini, Margherita Granbassi ed Ilaria Salvatori sono state eliminate dalla Francia (Adeline Wuilleme, Corrine Maitrejean, Melanie Moumas, Astrid Guyart) per 33 a 34 nei quarti di finale. Primo giro con le transalpine avanti per 10-6, grazie al 5-2 iniziale della Wuilleme sulla Trillini e al 3-2 della Moumas sulla Vezzali. Nel secondo, la neo campionessa europea Adeline Wuilleme, metteva a segno un parziale di 4-0 sulla Granbassi, recuperato in parte dalla Vezzali (7-4 sulla Maitrejean), con l'Italia costretta ancora a rincorrere (16-21). Nell'ultima manche la Salvatori (in pedana al posto della Granbassi) teneva sul 2-1; mentre, la Trillini, cedeva per 4-5 alla Maitrejean. Nell'assalto finale, poi, sul 22-27, la Vezzali non riusciva nell'impresa dopo un gran recupero (11-7) e si doveva arrendere per una sola stoccata. Nel girone di consolazione le azzurre prima sconfiggevano l'Ucraina per 45 a 22 e successivamente la Germania per 21 a 14. L'oro andava alla Russia (Olga Lobyntseva, Aida Chanaeva, Viktoria Nikichina, Svetlana Boiko) che superava per 31 a 30 l'Ungheria, nel remake della finale dell'anno scorso, ma con esito invertito. Il team russo ritrovava, quindi, il gradino più alto del podio dopo due anni (Izmir 2006). Bronzo per la Francia. Egual destino, purtroppo, anche per gli sciabolatori, che cedevano per 40 a 45 alla Bielorussia (Aliaksandr Buichevich, Dmitri Lapkes, Valere Pryiemka, Alexei Romanovitch), dopo aver vinto agli ottavi sull'Azerbaidjan per 45 a 23. Subito sotto con Montano che subiva uno 0-5 da Lapkes, gli azzurri si riavvicinavano con Occhiuzzi (7-5 a Buikevich) sul 7-10, per poi chiudere la prima frazione in vantaggio per 15-12 con il break (8-2) di Tarantino su Pryiemka. Nel secondo giro, però, la Bielorussia vinceva tutti e tre gli assalti e ritornava a condurre per 30 a 26. Occhiuzzi, autore di una prova eccellente, portava l'Italia a -1 sul 34 a 35. Era l'ultimo sussulto, dopodiché prima Lapkes (5-2 a Tarantino) e quindi Buikevich (5-4 a Montano) chiudevano la contesa sul 45 a 40 per la Bielorussia. Negli assalti per le posizioni di rincalzo, infine, arrivavano i successi sulla Germania per 45 a 41 e sull'Ucraina per 45 a 40. Delusione nelle parole del Ct Andrea Magro al termine della gara: ''Nel fioretto dovremo trovare la giusta chimica per distribuire in maniera omogenea la grande forza delle nostre atlete. Nella sciabola, invece, un plauso va ad Occhiuzzi protagonista di una grande prova. Meno bene Tarantino e Montano lontani dalla forma migliore. Dispiace, ma ora pensiamo a Pechino''. Seconda vittoria consecutiva per la Russia (Stanislav Pozdniakov, Alexey Yakimenko, Nikolay Kovalev, Alexei Frossine), impostasi per 45 a 29 sulla Francia. Terzo posto per la Bielorussia. L'appuntamento è ora per domani con le prove a squadre di fioretto maschile e spada femminile. I primi a salire in pedana saranno i fiorettisti Andrea Baldini, Andrea Cassarà, Salvatore Sanzo e Stefano Barrera che alle ore 10.50 locali (le 09.50 italiane) affronteranno la vincente tra Ungheria ed Ucraina. A seguire, poi, alle ore 12.00 locali (le 11.00 italiane), sarà la volta delle spadiste Bianca Del Carretto, Cristiana Cascioli, Francesca Boscarelli e Francesca Quondamcarlo opposte alla vincente tra Ucraina e Svezia. Le finali per il titolo prenderanno il via a partire dalle ore 18.00 locali (le 17.00 italiane) con collegamento in diretta su Rai Sport Più a partire dalle ore 17.40.


CAMPIONATI EUROPEI, FIORETTO FEMMINILE, KIEV (UCRAINA)

QUARTI: Russia b. Ucraina 40-28; Francia b. Italia 34-33; Ungheria b. Germania 21-20; Polonia b. Romania 24-19.

GIRONE 5/8 POSTO: Italia b. Ucraina 45-22; Germania b. Romania 21-13.

FINALE QUINTO POSTO: Italia b. Germania 21-14.

SEMIFINALI: Russia b. Francia 45-16; Ungheria b. Polonia 42-34.

FINALE TERZO POSTO: Francia b. Polonia 33-25.

FINALE PRIMO POSTO: Russia b. Ungheria 31-30.

CLASSIFICA (9): 1. Russia (Olga Lobyntseva, Aida Chanaeva, Viktoria Nikichina, Svetlana Boiko); 2. Ungheria; 3. Francia; 4. Polonia; 5. Italia (Valentina Vezzali, Giovanna Trillini, Margherita Granbassi, Ilaria Salvatori); 6. Germania; 7. Romania; 8. Ucraina.


CAMPIONATI EUROPEI, SCIABOLA MASCHILE, KIEV (UCRAINA)

OTTAVI: Italia b. Azerbaidjan 45-23.

QUARTI: Francia b. Germania 45-43; Bielorussia b. Italia 45-40; Russia b. Ucraina 45-38; Romania b. Ungheria 45-35.

GIRONE 5/8 POSTO: Italia b. Germania 45-41; Ucraina b. Ungheria 45-40.

FINALE QUINTO POSTO: Italia b. Ucraina 45-40.

SEMIFINALI: Francia b. Bielorussia 45-42; Russia b. Romania 45-44.

FINALE TERZO POSTO: Bielorussia b. Romania 45-42.

FINALE PRIMO POSTO: Russia b. Francia 45-29.

CLASSIFICA (13): 1. Russia (Stanislav Pozdniakov, Alexey Yakimenko, Nikolay Kovalev, Alexei Frossine); 2. Francia; 3. Bielorussia; 4. Romania; 5. Italia (Luigi Tarantino, Aldo Montano, Diego Occhiuzzi, Giampiero Pastore); 6. Ucraina; 7. Ungheria; 8. Germania.


CAMPIONATI EUROPEI ASSOLUTI - KIEV, ORO PER I FIORETTISTI E BRONZO PER LE SPADISTE NELLE PROVE A SQUADRE. SEI MEDAGLIE PER L'ITALIA.

Kiev (UCRAINA) - Azzurri sugli scudi nella quinta giornata di gare ai Campionati Europei in corso di svolgimento a Kiev (Ucraina). L'Italia, infatti, si è aggiudicata l'oro nella prova a squadre di fioretto maschile e il bronzo nella spada femminile, portando così a sei il computo totale degli allori conquistati, due per metallo. Nel fioretto maschile, il team italiano dopo aver trionfato nel mese di aprile al Mondiale di Pechino, ha messo a segno una splendida doppietta (l'ultima risaliva al 1935) trionfando per l'11esima volta nella storia della manifestazione continentale. L'ultimo successo era datato Zalaegerszeg 2005. Dopo un primo turno agevole vinto per 45 a 21 con l'Ungheria, Andrea Baldini, Andrea Cassarà, Salvatore Sanzo e Stefano Barrera (nella foto Bizzi nel corso della premiazione) sono stati protagonisti di una semifinale esaltante vinta solo alla priorità per 42 a 41 sulla Francia (Terence Joubert, Gregory Koenig, Marcel Marcilloux, Jerome Jault). Un testa a testa dalle mille emozioni e con continui capovolgimenti di fronte. Negli ultimi 180 secondi, poi, gli azzurri erano sotto per 33 a 36 e l'inerzia sembrava premiare i transalpini che non davano segni di cedimento. Nell'ultimo assalto, però, succedeva un po' di tutto. Sul 36-38 Joubert si infortunava alla caviglia e il match veniva sospeso per dieci minuti. Cassarà non si dava per vinto ed allungava sul 39-38. L'avversario, mai domo, teneva e alla chiusura del tempo impattava sul 41 pari. Nel supplementare il neo campione europeo rimaneva concentrato e piazzava la stoccata decisiva. In finale, poi, la vittoria arrivava senza troppe sofferenze per 45 a 30 sulla Polonia (Slawomir Mocek, Radoslaw Glonek, Michal Majewski, Tomasz Cieply), dopo un avvio fulminante che non lasciava chance di recupero agli avversari. Terza si piazzava la Russia. Grande gioia per il Ct Stefano Cerioni: ''Una stagione indimenticabile che ci ha visto sul gradino più alto del podio ai Mondiali, agli Europei e in coppa. Successi di valore che riportano la nostra arma ai livelli che le competono. Ho schierato tutti e quattro i ragazzi adattando la formazione ai diversi avversari. Peccato non vederli ai Giochi a causa di un regolamento assurdo che priverà la scherma e lo sport italiano di una medaglia''. Nella prova di spada femminile, invece, Bianca Del Carretto, Francesca Boscarelli, Cristiana Cascioli e Francesca Quondamcarlo si sono aggiudicate il bronzo sconfiggendo in finale l'Ungheria (Edina Antal, Katalin Izso, Hajnalka Toth e Timea Nagy) per 45-27, nella ripetizione della finalissima dell'anno scorso a Gand. Le magiare, che hanno rinunciato per scelta tecnica a Timea Nagy, non hanno mai impensierito le azzurre che hanno dominato sin dall'inizio (12-8 al primo giro), per poi allungare definitivamente nel settimo assalto, con il 5-3 della Cascioli sulla Toth che decretava il massimo vantaggio sul 34-19. Rimane un po' di rammarico per la semifinale persa con la Germania (Imke Duplitzer, Marijana Markovic, Monika Sozanska, Imke Duplitzer), sfida nella quale l'Italia si è fatta sorprendere all'inizio, senza essere stata in grado di rimontare e cedendo, quindi, per 34 a 45. Al primo turno la vittoria era arrivata per 45 a 42 sulle padrone di casa dell'Ucraina. Per le azzurre si tratta del secondo bronzo della storia, dopo quello vinto nel 2003 a Bourges. Soddisfatto il responsabile d'arma Carlo Carnevali: ''Sono contento perché abbiamo centrato il podio per il secondo anno consecutivo. La squadra è giovane ed ha dimostrato di essere un gruppo compatto in grado di poter vincere in Coppa del Mondo e di salire fino al secondo posto del ranking. Peccato che all'Olimpiade la prova a squadre non sia prevista, avremmo potuto toglierci delle soddisfazioni. Le ragazze chiudono l'Europeo con due bronzi, un risultato di assoluto valore''. Vittoria finale per la Romania (Ana Branza, Loredana Iordachioiu, Iuliana Maceseanu e Simona Alexandru) impostasi per 45 a 34 sulla Germania. L'appuntamento è ora per domani, ultima giornata della manifestazione, con le prove a squadre di spada maschile e sciabola femminile. I primi a salire in pedana saranno gli spadisti Matteo Tagliariol, Diego Confalonieri, Alfredo Rota e Stefano Carozzo che alle ore 9.30 locali (le 8.30 italiane) affronteranno la vincente tra Portogallo ed Israele. A seguire, poi, alle ore 14.40 locali (le 13.40 italiane), sarà la volta delle sciabolatrici Gioia Marzocca, Ilaria Bianco, Irene Vecchi e Loreta Gulotta opposte alla Polonia. Le finali per il titolo prenderanno il via a partire dalle ore 18.30 locali (le 17.30 italiane) con collegamento in diretta su Rai Sport Più a partire dalle ore 17.30.


CAMPIONATI EUROPEI, FIORETTO MASCHILE, KIEV (UCRAINA)

QUARTI: Italia b. Ungheria 45-21; Francia b. Spagna 45-28; Russia b. Gran Bretagna 45-26; Polonia b. Israele 45-34.

SEMIFINALI: Italia b. Francia 42-41 (minuto supplementare); Polonia b. Russia 45-31.

FINALE TERZO POSTO: Russia b. Francia 45-32.

FINALE PRIMO POSTO: Italia b. Polonia (Slawomir Mocek, Radoslaw Glonek, Michal Majewski, Tomasz Cieply) 45-30.

CLASSIFICA (14): 1. Italia (Andrea Baldini, Andrea Cassarà, Salvatore Sanzo, Stefano Barrera); 2. Polonia; 3. Russia; 4. Francia; 5. Gran Bretagna; 6. Spagna; 7. Ungheria; 8. Israele.


CAMPIONATI EUROPEI, SPADA FEMMINILE, KIEV (UCRAINA)

QUARTI: Ungheria b. Francia 30-26; Romania b. Polonia 39-36; Germania b. Russia 32-31; Italia b. Ucraina 45-42.

SEMIFINALI: Romania b. Ungheria 43-33; Germania b. Italia 45 a 34.

FINALE TERZO POSTO: Italia b. Ungheria (Edina Antal, Katalin Izso, Hajnalka Toth, Timea Nagy) 45-27.

FINALE PRIMO POSTO: Romania b. Germania 45-34.

CLASSIFICA (11): 1. Romania (Ana Branza, Loredana Iordachioiu, Iuliana Maceseanu, Simona Alexandru); 2. Germania; 3. Italia (Bianca Del Carretto, Francesca Boscarelli, Cristiana Cascioli, Francesca Quondamcarlo); 4. Ungheria; 5. Polonia; 6. Russia; 7. Francia; 8. Ucraina.


FEDERAZIONE ITALIANA SCHERMA - VALENTINA VEZZALI RINGRAZIA IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO

Kiev (UCRAINA) - Valentina Vezzali (nella foto), dopo il quinto posto ottenuto nella prova a squadre ai Campionati Europei in corso di svolgimento a Kiev (Ucraina), ha voluto ringraziare personalmente il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per le dichiarazioni rese ieri al Quirinale a margine dell'incontro con la squadra azzurra che parteciperà ai Giochi di Pechino. ''Ringrazio il Presidente della Repubblica - ha dichiarato la campionessa olimpica - per le splendide parole pronunciate nei mie confronti. E' per me un grandissimo onore essere presa come modello, sia come atleta, ma soprattutto come donna e madre''. La fiorettista azzurra ha poi aggiunto: ''Spero di poter incontrare presto il Capo dello Stato per ringraziarlo di persona e per manifestargli tutta la mia stima e gratitudine''.


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito