Lista Eventi Giochi Europei BAKU2015

GIOCHI EUROPEI BAKU2015 - IL PRESIDENTE FEDERALE, GIORGIO SCARSO: "LA SCHERMA ITALIANA HA AFFERMATO LA LEADERSHIP. IL FUTURO SARA D'ORO"

baku1 1BAKU - "La scherma azzurra ha un futuro d'oro e Baku lo ha dimostrato". Così il Presidente della Federazione Italiana Scherma, Giorgio Scarso, sintetizza il bilancio finale dei Giochi Europei Baku2015.

La scherma azzurra ha contribuito al medagliere italiano con un carico di dodici medaglie. Tre sono state quelle d'oro conquistate da Alice Volpi nel fioretto femminile, Alessio Foconi nel fioretto maschile e dalla Nazionale di sciabola maschile; due sono state le medaglie d'argento, vinte rispettivamente dalla squadra azzurra di fioretto maschile e da quella di sciabola femminile; sette infine sono state le medaglie di bronzo, andate sul collo di Luigi Miracco ed Alberto Pellegrini nella prova di sciabola maschile, Valentina Cipriani nel fioretto femminile, Francesco Ingargiola nel fioretto maschile, a cui si aggiungono quelle ottenute dalle Nazionali di spada maschile, fioretto femminile e spada femminile.

"La prima edizione dei Giochi Europei - esordisce Scarso - ha ribadito la leadership della scherma italiana nel panorama continentale. Così come accaduto agli Europei Cadetti, Giovani, Under23 ed Assoluti, anche in questo caso l'Italia ha vinto il medagliere finale e soprattutto è stata protagonista in ognuna delle specialità. Aver dovuto vivere questa esperienza di Giochi Europei nel "delicato" periodo di preparazione ai Campionati del Mondo, ha indotto i Commissari tecnici a convocare per l'evento degli atleti che hanno colto l'occasione per mettersi in luce e - in alcuni casi - per bussare con forza alle porte della Nazionale maggiore. Tutto ciò ha permesso all'Italia non solo di festeggiare le medaglie, ma anche di vivere intense emozioni schermistiche. Inoltre - prosegue ancora il vertice federale - l'età media degli atleti chiamati a rappresentare l'Italia in pedana, ci permette di essere estremamente ottimisti per quello che sarà il futuro della scherma azzurra".

La "ciliegina sulla torta", per la scherma italiana, è stata poi rappresentata dalla scelta del CONI di designare Alessio Foconi quale portabandiera azzurro nella cerimonia di chiusura dei Giochi Europei Baku2015.
"Ho accolto con molto entusiasmo questa decisione del CONI - racconta Giorgio Scarso - perché non è solamente un premio ed una gratificazione importante per un atleta che merita, sia per quanto espresso in pedana a Baku sia per tutto il suo percorso di formazione schermistica. Mi piace leggere questa scelta del CONI anche come un riconoscimento alla scherma, intensa come movimento che, quando è chiamata a rappresentare l'Italia in ogni evento, punta a farlo del migliore dei modi e riesce ad inorgoglire il Paese".

GIOCHI EUROPEI BAKU2015 - ALESSIO FOCONI SARA' IL PORTABANDIERA AZZURRO NELLA CERIMONIA DI CHIUSURA

Alessio Foconi BakuBAKU - Alessio Foconi è stato designato quale portabandiera della squadra italiana duranta la cerimonia di chiusura dei Giochi Europei Baku2015 in programma questa domenica alle ore 21 (le 18.00 in Italia - Diretta SkySport 3).

Il CONI, facendo ricadere la scelta sul fiorettista azzurro, ha voluto premiare le due medaglie (oro individuale, argento a squadre) conquistate dal 26enne ternano dell'Aeronautica Militare, ma anche l'intera delegazione di scherma italiana che ha contribuito al medagliere azzurro con dodici medaglie: tre d'oro, due d'argento e sette di bronzo.

Al National Stadium di Baku, quindi, Alessio Foconi col tricolore sventolante in mano guiderà la rappresentativa degli atleti italiani nell'evento che concluderà la prima edizione dei Giochi Europei che si chiude, per la scherma e per l'Italia, con un bilancio estremamente positivo.

GIOCHI EUROPEI BAKU2015 - IV GIORNATA - ITALIA D'ORO NELLA SCIABOLA MASCHILE. MEDAGLIA DI BRONZO PER SPADISTE E FIORETTISTE AZZURRE

Baku Sciabola maschile podioBAKU - Si tinge d'azzurro la quarta giornata di gara ai Giochi Europei Baku2015. L'avvio del programma delle prove a squadre porta all'Italia altre tre medaglie. Sono l'oro conquistato dalla Nazionale di sciabola maschile e le due di bronzo vinte rispettivamente dall'Italia di spada femminile e fioretto femminile.

La medaglia dal metallo più importante va al collo del quartetto di sciabola maschile composto da Massimiliano Murolo, Luigi Miracco, Alberto Pellegrini e Giovanni Repetti.
L'oro arriva al termine di una prova straordinaria conclusasi con la stoccata decisiva del 45-44 in finale contro la Romania.
Grande la gioia di tutto il gruppo azzurro non solo per il successo contro una Nazionale quotata quale quella rumena, ma anche per l'ottima prestazione corale offerta dai quattro sciabolatori azzurri.
"Questa medaglia è nostra e figlia dei sacrifici di noi quattro - dicono all'unisono i vincitori dell'oro -. L'abbiamo voluta, sudata e conquistata grazie all'apporto di ognuno di noi. E' una grande gioia che vogliamo condividere con i maestri Tommaso Dentico ed Andrea Aquili e con lo staff medico".
La "corsa all'oro" degli azzurri era iniziata in semifinale col successo contro la Russia per 45-42 che ha aperto all'Italia le porte della finalissima.

E' bronzo, ma vale quanto un oro, la medaglia conquistata dall'Italia di spada femminile La formazione azzurra composta da Alberta Santuccio, Camilla Batini e Brenda Briasco, con Giulia Rizzi costretta alla panchina per via di un lieve stiramento, sale sul terzo gradino del podio grazie ad una straordinaria prestazione offerta nella finale per il bronzo contro la Russia.
L'Italia, dopo un match condotto quasi interamente dalle quotate russe, ha iniziato una lenta rimonta sino al nono parziale. A chiudere il match è stato l'assalto tra Alberta Santuccio e la russa Anna Sivkova, avviatosi con il punteggio di 30-27 in favore delle avversarie delle azzurre. Da lì in poi è iniziato lo show della più giovane delle italiane che dapprima rimonta, poi pareggia, quindi subisce, per poi riprendere in mano il match ed imporre il suo ritmo che le permette di allungare sul punteggio, siglare un parziale di 13-6 che conclude l'assalto sul definitivo 40-36, dando il via alla festa azzurra.
“Soddisfazione grandissima perché abbiamo dimostrato di essere la squadra “del domani” – sorridono insieme le quattro spadiste azzurre -. Ci siamo strette e compattate molto soprattutto a metà dell’assalto di finale e da lì ci siamo date la carica a vicenda, poi Alberta (Santuccio, ndr) è stata bravissima”. “Ho solo espresso in pedana la voglia di vincere di tutta la squadra – ammette l’artefice materiale della rimonta -. Quando sono salita in pedana, ho cercato la concentrazione massima e di mettere in pratica le indicazioni che mi arrivavano dalla panchina"
In semifinale, l'Italia era stata fermata dall'Estonia col punteggio di 45-36.

Sale sul terzo gradino del podio anche l'Italia di fioretto femminile. La squadra azzurra composta da Alice Volpi e Valentina Cipriani, reduci rispettivamente dall'oro e bronzo nella prova individuale, e da Carolina Erba e Chiara Cini, ha infatti vinto la finale valida per la conquista della medaglia di bronzo, contro la Polonia, col netto punteggio di 45-28. Per le azzurre si è tratta di una prova di grinta, carattere e voglia di vincere, giunta dopo la sconfitta subìta in semifinale, contro la Francia, maturata col punteggio di 45-29. “La sconfitta ci ha lasciato parecchio amaro in bocca e – ammettono – questa medaglia la apprezziamo ma ci sta un po’ stretta”.

GIOCHI EUROPEI BAKU2015 - SCIABOLA MASCHILE - PROVA A SQUADRE - Baku, 26 Giugno 2015
Finale
ITALIA b. Romania 45-44

Finale 3°-4° posto 
Germania b. Russia 45-44

Semifinali
Romania b. Germania 45-44
ITALIA b. Russia 45-42

Classifica (6): 1. ITALIA, 2. Romania, 3. Germania, 4. Russia, 5. Ungheria, 6. Azerbaijan.

ITALIA: Luigi Miracco, Alberto Pellegrini, Massimiliano Murolo, Giovanni Repetti

GIOCHI EUROPEI BAKU2015 - SPADA FEMMINILE - PROVA A SQUADRE - Baku, 26 Giugno 2015
Finale
Romania b. Estonia 31-25

Finale 3°-4° posto 
ITALIA b. Russia 40-36

Semifinali
Estonia b. ITALIA 45-36
Romania b. Russia 31-24

Classifica (6): 1. Romania, 2. Estonia, 3. ITALIA, 4. Russia, 5. Ungheria, 6. Azerbaijan.

ITALIA: Camilla Batini, Giulia Rizzi, Alberta Santuccio, Brenda Briasco

GIOCHI EUROPEI BAKU2015 - FIORETTO FEMMINILE - PROVA A SQUADRE - Baku, 26 Giugno 2015
Finale 
Russia b. Francia 45-18

Finale 3°-4° posto 
ITALIA b. Polonia 45-28

Semifinali
Russia b. Polonia 45-21
Francia b. ITALIA 45-29

Classifica (6): 1. Russia, 2. Francia, 3. ITALIA, 4. Polonia, 5. Germania, 6. Ungheria.

ITALIA: Alice Volpi, Valentina Cipriani, Carolina Erba, Chiara Cini

GIOCHI EUROPEI BAKU2015 - QUINTA GIORNATA - SI CHIUDE CON L'ARGENTO PER FIORETTISTI E SCIABOLATRICI - MEDAGLIA DI BRONZO PER LA SPADA MASCHILE

baku medaglie squadraBAKU - L'Italia è stata la protagonista assoluta anche della quinta ed ultima giornata del programma di scherma ai Giochi Europei Baku2015.
Sono state tre infatti le medaglie conquistate dagli azzurri. Si tratta dell'argento che va al collo del quartetto italiano di fioretto maschile, a cui si aggiunge la medaglia dello stesso metallo vinta dalla Nazionale di sciabola femminile ed il "rocambolesco" bronzo maturato nella spada maschile.
L'ItalScherma chiude quindi contribuendo al medagliere azzurro con un bottino complessivo di dodici medaglie, di cui tre d'oro, due d'argento e sette di bronzo.

L'ultimo assalto di scherma alla Crystal Hall di Baku è stato quello che ha visto la Gran Bretagna superare l'Italia, col punteggio di 45-41, nella finale valida per la medaglia d'oro della prova a squadre di fioretto maschile. 
Alessio Foconi, Francesco Ingargiola, Damiano Rosatelli e Lorenzo Nista avevano iniziato la giornata vincendo ai quarti la sfida contro la Polonia per 45-30. A frapporsi loro in semifinale era stata poi la Russia, che dopo un match in vantaggio, ha subìto la straordinaria rimonta, con un parziale finale di 11-2 nell'ultimo dei nove assalti, ad opera di Alessio Foconi capace di ribaltare il punteggio dal 34-40 al definitivo 45-42.

Il secondo argento della spedizione di scherma azzurra arriva dalla sciabola femminile. Rebecca Gargano, Martina Criscio, Caterina Navarria e Sofia Ciaraglia, si sono arrese solo in finale all'Ucraina della regina di specialità, Olga Kharlan, capace di rimontare in finale un passivo di tre stoccate, chiudendo poi col definitivo 45-43 che porta al collo delle italiane la medaglia d'argento.
Le quattro azzurro erano approdate alla finalissima grazie ad un'ottima prestazione che le aveva viste superare per prime ai quarti la Polonia col punteggio di 45-17 e poi, in semifinale, la Francia per 45-33.
"Siamo soddisfatte perché ci rendiamo conto di essere state protagoniste di una grandissima gara - dicono all'unisono le quattro sciabolatrici azzurre - Peccato per la finale ma Olga Kharlan ha fatto davvero la differenza. Noiabbiamo dato il 100% ed abbiamo dimostrato tutto il nostro valore. Siamo davvero orgogliose di noi e di questa nostra squadra!".

Nella spada maschile, invece Marco Fichera, Andrea Santarelli, Gabriele Bino e Gabriele Cimini, conquistano la medaglia di bronzo superando la Svizzera per 44-40 nella finale per il terzo posto. Ma il successo è giunto dopo un'opposizione tecnica avanzata dalla delegazione azzurra. La squadra italiana, dopo aver vinto ai quarti per 45-34 contro l'Ungheria ed essere stati sconfitti dalla Francia in semifinale per 45-27, ha affrontato la sfida contro gli elvetici. Dopo una gara condotta dagli svizzeri, nella nona ed ultima frazione, salgono in pedana Marco Fichera per gli azzurri e lo svizzero Michele Niggeler. Sul punteggio di 38-38, a 18'' dalla fine del tempo regolamentare, i due atleti si allontanano l'un l'altro mostrando una non-combattività che induce l'arbitro, per regolamento, a fermare l'assalto passando alla frazione successiva. In questo caso, trattandosi dell'ultimo parziale del tempo regolamentare, si passa al minuto supplementare. Dopo 28'' arriva la stoccata del 39-38 in favore dello svizzero, dando il via alla festa elvetica successiva all'assegnazione della vittoria finale da parte dell'arbitro. Da qui la protesta degli azzurri, a cui ha fatto seguito una formale opposizione tecnica avanzata presso la Direzione di Torneo a firma del Capodelegazione azzurra, Luigi Campofreda. 
La delegazione azzurra infatti, ha sostenuto che - come recita il punto t.87 art.6b del Regolamento tecnico FIE - "Quando le due squadre danno prova di non combattività manifesta durante l’ultima frazione, l’arbitro procederà d’ufficio ad un ultimo minuto di combattimento. Quest’ultimo minuto, che sarà tirato per intero, sarà decisivo e sarà preceduto da un sorteggio per determinare il vincitore in caso di parità di punteggio alla fine del minuto".
La Direzione di Torneo ha quindi accolto l'opposizione tecnica degli azzurri, facendo riprendere il match sul punteggio di 39-38 e con il cronometro che segna 32'' rimanenti alla fine dell'assalto. 
I due atleti, con umori decisamente diversi, sono quindi tornati in pedana. Il sangue freddo di Marco Fichera ha condotto l'azzurro a piazzare sei stoccate, subendone solo una, fissando quindi il punteggio finale sul 44-40 che consente all'Italia di festeggiare la medaglia di bronzo.
"Ci amareggiano le polemiche ma non macchiano la nostra soddisfazione per questa medaglia di bronzo - è il commento degli azzurri -. L'errore arbitrale e tutto quanto ne è conseguito non possono offuscare la nostra prestazione". 

GIOCHI EUROPEI BAKU2015 - SPADA MASCHILE - PROVA A SQUADRE - Baku, 26 Giugno 2015
Finale 
Francia b. Russia 45-32

Finale 3°-4° posto
ITALIA b. Svizzera 44-40

Semifinali
Francia b. ITALIA 45-27
Russia b. Svizzera 43-38

Quarti
Francia - bye
ITALIA b. Ungheria 45-34
Russia b. Azerbaijan 45-26
Svizzera - Bye

Classifica (6): 1. Francia, 2. Russia, 3. ITALIA, 4. Svizzera, 5. Ungheria, 6. Azerbaijan

ITALIA: Marco Fichera, Andrea Santarelli, Gabriele Bino, Gabriele Cimini

GIOCHI EUROPEI BAKU2015 - SCIABOLA FEMMINILE - PROVA A SQUADRE - Baku, 26 Giugno 2015
Finale 
Ucraina b. ITALIA 45-43

Finale 3°-4° posto
Russia b. Francia 45-29

Semifinali

ITALIA b. Francia 45-33
Ucraina b. Russia 45-34

Quarti
Francia - bye
ITALIA b. Polonia 45-17
Ucraina b. Azerbaijan 45-24
Russia - bye

Classifica (6): 1. Ucraina, 2. ITALIA, 3. Russia, 4. Francia, 5. Azerbaijan, 6. Polonia

ITALIA:
Sofia Ciaraglia, Martina Criscio, Caterina Navarria, Rebecca Gargano

GIOCHI EUROPEI BAKU2015 - FIORETTO MASCHILE - PROVA A SQUADRE - Baku, 26 Giugno 2015
Finale (ore 17.10 Ita)
Gran Bretagna b. ITALIA 45-41

Finale 3°-4° posto
Russia b. Francia 45-33

Semifinali
Gran Bretagna b. Francia 45-41
ITALIA b. Russia 45-42

Quarti

Francia - bye
Gran Bretagna b. Germania 45-26
ITALIA b. Polonia 45-30
Russia - bye

Classifica (6): 1. Gran Bretagna, 2. ITALIA, 3. Russia, 4. Francia, 5. Germania, 6. Polonia

ITALIA: Alessio Foconi, Francesco Ingargiola, Lorenzo Nista, Damiano Rosatelli

GIOCHI EUROPEI BAKU2015 - TERZA GIORNATA - NEL FIORETTO MASCHILE ALESSIO FOCONI E' MEDAGLIA D'ORO! BRONZO PER FRANCESCO INGARGIOLA

baku Podio Foconi IngargiolaBAKU - La terza giornata del programma di scherma ai Giochi Europei Baku2015 non delude le attese e regala ancora emozioni azzurre grazie al fioretto maschile.

Alessio Foconi conquista la medaglia d'oro e trova al suo fianco sul podio, al terzo posto, Francesco Ingargiola.

L'atleta ternano, classe 1989, urla alle telecamere tutta la sua grinta dopo la stoccata del 15-11 nell'assalto finale contro il russo Timur Arslanov. 
Successo meritato quello dell'azzurro che conferma il suo talento e conclude nel migliore dei modi una stagione che lo ha visto conquistare il terzo posto alla prova di Coppa del Mondo di Bonn, e fermarsi per due volte ai piedi del podio, rispettivamente a Parigi ed a Shanghai.

La festa azzurra è duplice, perché sul podio vi è anche Francesco Ingargiola "dirottato" sul terzo gradino proprio da Alessio Foconi, dopo il tiratissimo derby di semifinale conclusosi col punteggio 15-14.

Per Alessio Foconi, l'assalto di semifinale contro l'atleta classe 1996, è stato il secondo derby di giornata, dopo quello che lo ha visto vincere, ai quarti di finale, con il punteggio di 15-12, contro l'altro azzurro Damiano Rosatelli. 
Francesco Ingargiola, invece, ha ottenuto la certezza del podio grazie al successo contro il tedesco Georg Doerr col punteggio di 15-11, che ha fatto seguito alle vittorie, nel turno dei 32 contro il britannicco Marcus Mepstead per 15-14, ed a quella contro il danese Alexander Tsoronis col punteggio di 15-7 maturata nell'assalto valido per approdare ai quarti.
"Mi sono fermato ad una sola stoccata dalla finale ma sono più che soddisfatto - dice Ingargiola -. Affrontare un atleta come Alessio non è semplice, in più proprio in questi giorni sono impegnato con gli esami di maturità e sono partito subito dopo la terza prova di lunedi. Non è stato facile far conciliare scherma e scuola, e questa medaglia mi ripaga di tutti i sacrifici di questo periodo e di questa lunga stagione. Dedico questo bronzo alla mia maestra Maria Elena Proietti, alla mia famiglia ed al gruppo sportivo delle Fiamme Oro".

Alessio Foconi era giunto alla sfida contro Damiano Rosatelli dopo aver superato nel turno dei 32 il polacco Michal Janda per 15-9 e poi, nel turno dei 16, l'altro portacolori della Polonia, Leszek Rajski col punteggio di 15-14.
Damiano Rosatelli, invece, dopo aver vinto per 15-7 l'assalto del turno dei 32 contro il greco Nikolaos Kontochristopoulos, ha vinto per 15-14 l'ardua sfida contro il quotato ceco Alexander Choupenitch, tra i favoriti della vigilia.

E' uscito di scena nel turno dei 16 invece Lorenzo Nista. L'atleta livornese, dopo aver vinto il primo match del tabellone principale contro il turco Tevfik Burak Babaoglu per 15-8, è stato superato dal francese Vincent Simon col punteggio di 15-6.
Tutti e quattro gli azzurri, nella fase a gironi, avevano collezionato tre vittorie e due sconfitte nei rispettivi raggruppamenti.

SCIABOLA FEMMINILE
Si ferma nel turno delle 16 l'esperienza delle azzurre nella prova di sciabola femminile. L'ultima delle italiane ad essere sconfitta è stata Rebecca Gargano che, nell'assalto valido per approdare ai quarti, ha subìto il 15-7 dalla beniamina di casa, l'azera Sevinc Bunyatova. In precendenza, Rebecca Gargano aveva sconfitto l'altra azera Fatima Ibrahimova per 15-6.
Sono state eliminate invece nel turno delle 32 le altre tre azzurre. Martina Criscio è stata sconfitta 15-7 dall'ucraina Alina Komashchuk, Caterina Navarria è stata superata 15-11 dalla spagnola Laia Vila mentre Sofia Ciaraglia si è fermata sul 15-11 contro la tedesca Anna Limbach.

GIOCHI EUROPEI BAKU2015 - FIORETTO MASCHILE - Baku, 25 Giugno 2015
Finale
Foconi (ITA) b. Arslanov (Rus) 15-11

Semifinali
Foconi (ITA) b. Ingargiola (ITA) 15-14
Arslanov (Rus) b. Tony Helissey (Fra) 15-10

Quarti
Ingargiola (ITA) b. Doerr (Ger) 15-11
Foconi (ITA) b. Rosatelli (ITA) 15-12
Arslanov (Rus) b. Simon (Fra) 15-7
Tony Helissey (Fra) b. Zherebchenko (Rus) 15-8

Tabellone dei 16
Ingargiola (ITA) b. Tsoronis (Den) 15-7
Simon (Fra) b. Nista (ITA) 15-6
Foconi (ITA) b. Rajski (Pol) 15-14
Rosatelli (ITA) b. Choupenitch (Cze) 15-14

Tabellone dei 32
Ingargiola (ITA) b. Mepstead (Gbr) 15-14
Foconi (ITA) b. Janda (Pol) 15-9
Rosatelli (ITA) b. Kontochristopoulos (Gre) 15-7
Nista (ITA) b. Babaoglu (Tur) 15-8

Fase a gironi
Damiano Rosatelli: 3 vittorie, 2 sconfitte
Rosatelli (ITA) b. Babaoglu (Tur) 5-3
Rosatelli (ITA) b. Kruse (Gbr) 5-4
Rosatelli (ITA) b. Arslanov (Rus) 5-3
Janda (Po) b. Rosatelli (ITA) 5-4
Pauty (Fra) b. Rosatelli (ITA) 5-4

Alessio Foconi: 3 vittorie, 2 sconfitte
Rajski (Pol) b. Foconi (ITA) 5-2
Foconi (ITA) b. Kontochristopoulos (Gre) 5-2
Foconi (ITA) b. Daraban (Rou) 5-4
Foconi (ITA) b. Mepstead (Gbr) 5-0
Doerr (Ger) b. Foconi (ITA) 5-4

Francesco Ingargiola: 3 vittorie, 2 sconfitte
Jovanovic (Cro) b. Ingargiola (ITA) 5-4
Ingargiola (ITA) b. Kawiecki (Pol) 5-0
Ingargiola (ITA) b. Simon (Fra) 5-1
Ingargiola (ITA) b. Zherebchenko (Rus) 5-2
Byk (Blr) b. Ingargiola (ITA) 5-2

Lorenzo Nista: 3 vittorie, 2 sconfitte
Nista (ITA) b. Vegh (Slo) 5-1
Nista (ITA) b. Perelmann (Ger) 5-4
Nista (ITA) b. Mourrain (Fra) 5-2
Khovanskiy (Rus) b. Nista (ITA) 5-3
Tsoronis (Den) b. Nista (ITA) 5-4

Classifica (36): 1. Alessio Foconi (ITA), 2. Timur Arslanov (Rus), 3. Francesco Ingargiola (ITA), 3. Jean-Paul Tony Helissey (Fra). 5. Simon (Fra), 6. Rosatelli (ITA), 7. Doerr (Ger), 8. Zherebchenko (Rus).
14. Nista (ITA).

GIOCHI EUROPEI BAKU2015 - SCIABOLA FEMMINILE - Baku, 25 Giugno 2015
Finale
Wator (Pol) b. Bunyatova Sevil (Aze) 15-14

Semifinali
Bunyatova Sevil (Aze) b. Rifkiss (Fra) 15-9
Wator (Pol) b. Bunyatova Sevinc (Aze) 15-11

Quarti
Bunyatova Sevil (Aze) b. Vougiouka (Gre) 15-12
Rifkiss (Fra) b. Kravatska (Ukr) 15-10
Wator (Pol) b. Obvintseva (Rus) 15-10
Bunyatova Sevinc (Aze) b. Komashchuk (Ukr) 15-11

Tabellone delle 16
Bunyatova (Aze) b. Gargano (ITA) 15-7

Tabellone delle 32
Vila (Esp) b. Navarria (ITA) 15-11
Limbach (Ger) b. Ciaraglia (ITA) 15-11
Komashchuk (Ukr) b. Criscio (ITA) 15-7
Gargano (ITA) b. Ibrahimova (Aze) 15-6

Fase a gironi
Rebecca Gargano: 3 vittorie, 2 sconfitte
Gargano (ITA) b. Watora (Pol) 5-4
Gargano (ITA) b. Sarban (Tur) 5-1
Bunyatova (Aze) b. Gargano (ITA) 5-0
Kharlan (Ukr) b. Gargano (ITA) 5-0
Gargano (ITA) b. Stoltz (Fra) 5-2

Martina Criscio: 3 vittorie, 2 sconfitte
Criscio (ITA) b. Pasternak (Pol) 5-1
Criscio (ITA) b. Jelachi (Mda) 5-2
Palu (Fra) b. Criscio (ITA) 5-4
Criscio (ITA) b. Hanzlikova (Cze) 5-0
Vougiouka (Gre) b. Criscio (ITA) 5-3

Caterina Navarria: 3 vittorie, 2 sconfitte
Kravatska (Ukr) b. Navarria (ITA) 5-3
Navarria (ITA) b. Balzer (Fra) 5-3
Ibrahimova (Aze) b. Navarria (ITA) 5-1
Navarria (ITA) b. Ridel (Rus) 5-4
Navarria (ITA) b. Agustsdottir (Isl) 5-1

Sofia Ciaraglia: 2 vittorie, 3 sconfitte
Ciaraglia (ITA) b. Andreyeva (Blr) 5-4
Ciaraglia (ITA) b. Sukhova (Rus) 5-4
Kaleta (Pol) b. Ciaraglia (ITA) 5-2
Vila (Esp) b. Ciaraglia (ITA) 5-4
Mikina (Aze) b, Ciaraglia (ITA) 5-4

Classifica (36): 1. Angelika Wator (Pol), 2. Sevil Bunyatova (Aze), 3. Bunyatova Sevinc (Aze), 3. Margaux Rifkiss (Fra). 5. Vougiouka (Gre), 6. Kravatska (Ukr), 7. Obvintseva (Rus), 8. Komashchuk (Ukr).
13. Gargano (ITA), 19. Criscio (ITA), 23. Navarria (ITA), 28. Ciaraglia (ITA).


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito