Lista Eventi Antalya 2009

test

test

MONDIALI, QUONDAMCARLO ED ERRIGO OSPITI RAI

ANTALYA/ROMA - E' stato un felice rientro di tutta la delegazione italiana ieri, 9 ottobre. "I nostri atleti si sono fatti valere in un modo eccezionale", dice il Presidente FIS Giorgio Scarso. Le nove medaglie vinte sono già state celebrate dai media nazionali - ma i resoconti continuano. Domani, 11 ottobre, si parlerà dei Mondiali di scherma nella trasmissione Domenica Sprint (RAIDUE, mezzanotte e mezza) . Prima ancora, Francesca Quondamcarlo sarà ospite di RAI UNOMATTINA WEEK END (domenica dalle ore 6:30). Motto del suo intervento: vincere al femminile. Lunedì, 12 ottobre, tocca invece ad Arianna Errigo. Sarà ospite nel programma di RAI UNO "La vita in diretta" (dalle ore 16.15).

MONDIALI, PARLA CUOMO CT DELLA SPADA: VINCERE AIUTA A VINCERE

ANTALYA - "Dopo la vittoria delle ragazze sono davvero molto felice, anzi contentissimo". Queste le prime parole del Commissario Tecnico della spada Sandro Cuomo, subito dopo la conquista dell'oro nella gara di spada femminile ai Mondiali di Antalya. "Cristiana Cascioli, Bianca Del Carretto, Nathalie Moellhausen e Francesca Quondamcarlo hanno meritato il gradino più alto, - continua il CT - hanno dimostrato di essere un gruppo coeso e vincente, nonostante il risultato non molto positivo delle loro prove individuali. Hanno lavorato con grande professonalità durante gli allenamenti collegiali, sono state sotto pressione tutto il periodo e alla fine il risultato è arrivato".

La gioia si legge chiaramente nel volto di Cuomo, ma ugualmete ritorna a parlare e analizzare le dinamiche e i mancati nel settore maschile e femminile individualde: "Bisogna lavorare sodo, rispettare ognuno il proprio ruolo e credere nelle nostre potenzialità. Con la vittoria della azzurre sono sicuro che il gruppo e l'intero staff hanno preso fiducia e siamo tutti più consapevoli della forza della squadra italiana. Vincere aiuta a vincere. Adesso si lavora per la nuova stagione e per ottenere quanti più risultati positivi. Faccio i complimenti a tutto il mio staff, sempre pronti e a disposizione dei ragazzi, ringrazio le nuove campionesse del mondo per averci regalato un oro storico, cercato, voluto e sofferto. Ringrazio infine Bianca per la splendida gara, peccato per quella unica stoccata in finale che le ha fatto perdere l'imbattibiltà. Quello che più conta comunque è la vittoria di una squadra così affiatata, che tutti dovrebbero imitare".

MONDIALI, PARLA SIROVICH CT DELLA SCIABOLA DOPO L'AGENTO NELLA SCIABOLA MASCHILE

ANTALYA - Dopo la sconfitta per 45 a 44 degli azzurri della sciabola maschile (Aldo Montano, Diego Occhiuzzi, Giampiero Patore, Luigi Tarantino), il CT Giovanni Sirovich commenta così la conquista della medaglia d'argento, che poteva esser d'oro: "E' una sconfitta al foto finish che ci fa male. Stavamo vincendo, eravamo in netto vantaggio e nonostante ciò abbiamo perso. Si, è proprio una sconfitta che ti rode dentro, ma fa parte del gioco e bisogna accettarla".

Continua poi dicendo che: "Non ci sono molte parole per descrivere l'amarezza per l'oro perso, ma ricordiamoci che abbiamo vinto sempre un argento. Siamo pur sempre i vice campioni del mondo, la nostra squadra è di altissimo livello, tutti ce la inviadiano. Non ci abbattiamo, un pò di riposo e dopo si riparte per la nuova stagione agonistica con la stessa grinta, voglia e obiettivi da raggiungere: vincere il più possibile! Le potenzialità ci sono tutte".

MONDIALI, DALL'ORO DI BALDINI ALL'ORO STORICO DELLE SPADISTE

ANTALYA - Si sono appena conclusi i Campionati del Mondo ad Antalya (Turchia) e l'Italia torna a casa con un bel bottino: Prima nella Coppa delle Nazioni, Prima nel Medagliere con 9 medaglie, di cui 4 d'oro. Si, da questa edizione si torna a testa alta, con la consapevolezza che si può far sempre di più, migliorare ancora. Dall'oro di Andrea Baldini nel fioretto maschile, nella prima giornata di gare, fino all'oro storico di Cristiana Cascioli, Bianca Del Carretto, Nathalie Moellhausen, Francesca Quondamcarlo nella spada femminile nella giornata di chiusura. L'Italia apre e chiude il Mondiale sul gradino più alto del mondo.

In questi nove giorni si sono susseguite tante immagini, i volti gioiosi dei vincitori e la delusione di coloro che hanno perso molte volte solo per una stoccata. Ma quello che ha colpito subito è stata la determinazione di ogni singolo atleta, voglioso di far magari un risultato con la propria squadra. Una comunione di intenti, vincitori o sconfitti non importa, importa sempre risalir in pedana e puntare all'ambita vittoria senza arrendersi mai, come hanno fatto le spadiste italiane con il loro oro storico. Questo è il carattere vincente nella scherma.

Questi come tante altre le riflessioni emerse dal Presidente FIS Giorgio Scarso, che ribadendo in concetto, afferma che: "L'Italia ancora una volta è stata grande. Abbiamo vinto, ma potevamo far di più di certo. Nella spada e nella sciabola nonostante le medaglie portate a casa, c'è molto da lavorare, affinare perché sono sicuro che si può far molto di più e i ragazzi lo meritano. Danno tutto per sé e per i colori azzurri e non è una cosa scontata". Continua dicendo che: "Al rientro in Italia valuteremo se sarà necessario far dei cambiamenti e di che tipo. Ovviamente sono più che soddisfatto di tutti gli atleti, del gruppo, hanno portato in alto l'Italia. Continueremo a impegnarci al massimo, i Mondiali di Parigi e la nuova stagione agonistica ci aspettano e noi saremo lì pronti a portar un risultato utile e perché no vincere ancora di più."


Le medaglie italiane

Oro: Andrea Baldini (fioretto maschile), Elisa Di Francisca, Arianna Errigo, Margherita Granbassi, Valentina Vezzali (fioretto femminile), Stefano Barrera, Andrea Baldini, Andrea Cassarà, Simone Vanni (fioretto maschile), Cristiana Cascioli, Bianca Del Carretto, Nathalie Moellhausen, Francesca Quondamcarlo (spada femminile).

Argento: Matteo Tagliariol (spada maschile), Aldo Montano, Diego Occhiuzzi, Giampiero Pastore, Luigi Tarantino (sciabola maschile).

Bronzo: Elisa Di Francisca (fioretto femminile), Arianna Errigo (fioretto femminile), Luigi Tarantino (sciabola maschile).

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito